Astrofotografia

Sirio e Sirio B

sirio-ae-b-_20_19_23_zwo-asi178mc_17_02_19_g6_ap51

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes
1 commento
  1. Sirio B Soprannominata “Il cucciolo” (dall’inglese pup), si tratta una nana bianca, dunque una stella molto piccola e con un’elevatissima densità, la cui magnitudine apparente è di circa 8,44.

    Appartiene alla classe spettrale DA 2-5, molto simile a Sirio A, ma a causa delle piccole dimensioni è 8 200 volte meno luminosa della sua ben più grande compagna, e 360 volte più debole del Sole. Di quest’ultimo ha praticamente la stessa massa (100-103%)[1] [3]) ma meno di un centesimo del diametro (0,84%)[4]). Infatti il suo diametro è di circa 11 700 km, meno del 92% di quello della Terra. Queste misure concordano con quelle teoriche di una “nana bianca al carbonio, che si sarebbe evoluta a partire da una stella di sequenza principale di classe B di circa 5 ± 0,3 M⊙ circa 125 milioni di anni fa e passata attraverso la fase di gigante rossa. Il sistema di Sirio ha infatti all’incirca 225-250 milioni di anni, e l’evoluzione stellare prevede che una stella con quella massa evolve in circa 100-125 milioni di anni[5][1] Un tempo Sirio B era dunque più luminosa di Regulus A, la quale attualmente è di classe spettrale B7. La temperatura superficiale è elevata (circa 24 000 K), come in tutte le stelle di questo tipo, ma Sirio B si sta lentamente spegnendo fino a diventare, tra miliardi di anni, una nana nera.
    tratto da Wikipedia

Lascia un commento

CONTATTI

Osservatorio M50
Via Monte Bondone
37060 Marchesino di Buttapietra
Verona – Italia

Email: luigimanganotti@hotmail.com

ULTIMI ARTICOLI